myCoFood

La recente normativa europea che impone la dichiarazione degli ingredienti e delle informazioni nutrizionali sulle etichette introduce un cambiamento significativo per il settore vitivinicolo. In tale contesto ha ricevuto particolare attenzione a livello istituzionale la questione sulle modalità in cui queste informazioni possano essere efficacemente trasmesse attraverso mezzi digitali.

Lo scorso 8 dicembre è entrato in vigore l’obbligo di riportare nell’etichettatura dei prodotti vitivinicoli l’elenco degli ingredienti e la dichiarazione nutrizionale, introdotto dal regolamento europeo n. 2117/2021, in modifica del reg UE n. 1308/2013 sull’organizzazione comune dei mercati agricoli.

Il regolamento ha previsto la possibilità di fornire queste informazioni per via elettronica.

Nel rispetto delle nuove disposizioni, di cui si è trattato in un precedente articolo, un gran numero di aziende del settore vitivinicolo ha provveduto negli ultimi mesi alla creazione e alla stampa di nuove etichette, scegliendo di utilizzare un QR code che rimanda a una pagina internet segnalata con il simbolo ISO 2760 “i”, riconosciuto comunemente come indicazione delle informazioni al consumatore.

Nella recente comunicazione C/2023/1190, la Commissione Europea ha tuttavia stabilito che l’elenco degli ingredienti e la dichiarazione nutrizionale debbano essere riportati attraverso indicazioni più precise, come ad esempio una dicitura che renda chiaro il contenuto del codice QR, e non invece simboli o termini generici come la lettera “i”.

Il 22 gennaio 2024 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste del 7 dicembre 2023, intervenuto per permettere agli operatori del settore di smaltire le etichette stampate precedentemente alla comunicazione della Commissione e non conformi ad essa e assicurare in tal modo il rispetto dei principi di sostenibilità economica ed ambientale.

Esso consente pertanto, esclusivamente per i prodotti circolanti sul mercato nazionale, l’utilizzo del simbolo ISO 2760 «i» accanto al QR code che rimanda alle informazioni relative alla lista degli ingredienti e alla dichiarazione nutrizionale, per un periodo di tre mesi a decorrere dall’8 dicembre 2023 (fino all’8 marzo 2024).

In caso di mancato rispetto di quanto previsto nel decreto, è prevista la sanzione amministrativa pecuniaria da 250 euro a 5.000 euro.

Archivio:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from - Youtube
Vimeo
Consent to display content from - Vimeo
Google Maps
Consent to display content from - Google
Spotify
Consent to display content from - Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from - Sound
mycofood
Cart Overview