0
myCoFood

Gli ioni nitrato e nitrito sono diffusi nell’ambiente e si trovano naturalmente negli alimenti vegetali (verdure) e nell’acqua. I nitrati sono instabili in condizioni acide e quindi si decompongono spontaneamente in nitriti e biossido di azoto. Pertanto, i nitriti derivanti dal metabolismo dei nitrati e quelli forniti con il cibo, possono inoltre reagire nel tratto gastrointestinale con i precursori dei composti N-nitrosi (come ammine e ammidi) e provocare la formazione di composti N-nitrosi.

La reazione dei nitriti con le ammine secondarie è considerata particolarmente pericolosa perché porta alla formazione di nitrosammine cancerogene. Le ammine primarie con i nitriti formano solo nitrosammine instabili, che vengono immediatamente degradate ad alcool e azoto, mentre le ammine terziarie non reagiscono con i nitriti. Si stima che la nitrosazione endogena porti alla formazione di circa il 65% dell’esposizione umana totale ai nitroso-composti.

Inoltre, il basso pH nello stomaco e la presenza di ferro (soprattutto come eme proteico) sono fattori che potenziano il processo di nitrosazione. Invece la vitamina C ed E sono considerati inibitori di questo processo per la loro attività scavenger sui radicali liberi.

Stress ossidativo e danno biologico

Lo stress ossidativo/nitrosativo dovuto all’aumento del contenuto di forme reattive ossigeno/azoto è riconosciuto a sua volta come una caratteristica preminente di molte malattie acute e croniche. Le specie reattive dell’azoto (RNS) includono ossido nitrico, biossido di azoto e perossinitrito. Reagendo con le proteine, il perossinitrito può formare nitrotirosina, un marker tipico dello stress nitrosativo. Livelli aumentati di nitrotirosina sono stati ritrovati a una varietà di malattie della pelle (psoriasi, lupus sistemico, orticaria, dermatite atopica ed anche alcuni tumori cutanei). A parte il materiale genetico, le proteine ​​sono tra i principali bersagli per le RNS.

Essi possono modificarne la struttura fisica, con conseguenze funzionali tra cui l’inibizione delle attività enzimatiche, una maggiore suscettibilità all’aggregazione, alla proteolisi e una differente immunogenicità. L’effetto dei nitrati e dei nitriti nella dieta è associato al rischio di tumori. Nitrati e nitriti non sono di per sé cancerogeni; tuttavia, hanno il potenziale (durante il la lavorazione del cibo o il processo digestivo) per reagire con altri composti chimici di origine alimentare per formare agenti cancerogeni.

Tuttavia, i risultati pubblicati di studi sull’uomo sulla relazione tra nitrati e assunzione di nitriti e rischio di cancro sono incoerenti. Da un lato, ci sono molte prove di una connessione tra nitrati e assunzione di nitriti e un rischio relativo più elevato di cancro gastrico, carcinoma a cellule renali, glioma cerebrale, carcinoma del colon-retto, esofageo e tiroideo. D’altra parte, una recente meta-analisi di studi epidemiologici ha indicato una debole associazione tra nitrati alimentari e rischio di cancro, mentre nel caso dei nitriti alimentari la dipendenza era più evidente.

L’analisi delle pubblicazioni suggerisce un’associazione tra l’assunzione di nitrati nella dieta e la riduzione del cancro gastrico, mentre il consumo di nitriti e N-nitrosammine aumenta tale rischio. Giustificano questo fenomeno con il fatto che i nitrati alimentari erano forniti principalmente dalle verdure e qualsiasi effetto protettivo può riflettere altri composti protettivi e non i nitrati. Ribadisce altresì ciò che la scienza consiglia da tempo per la nostra salute: avere un’alimentazione varia, con un introito moderato di carne e derivati e ricca di prodotti vegetali freschi.

Uso dei nitriti per trattare la carne

Nitrati/nitriti possono essere utilizzati anche come additivi negli alimenti di origine animale. Nitriti (nitrito di sodio—E249, nitrito di potassio—E250) e nitrati (nitrato di sodio—E251, nitrato di potassio—E252) sono autorizzati come additivi alimentari nell’Unione Europea ai sensi del Regolamento 1129/2011. Sono utilizzati negli alimenti per stabilizzare carne e formaggio lavorati. La quantità di nitrito consentita per l’uso nella carne lavorata è attualmente di 150 mg/kg, ad eccezione dei prodotti a base di carne sterilizzati per i quali il limite è di 100 mg/kg. L’aggiunta di nitrato di sodio è consentita solo nella carne cruda, nella quantità massima di 150 mg/Kg. I nitriti possono essere presenti anche nei prodotti lattiero-caseari di origine esogena.

La concentrazione massima di nitrito consentita nel regolamento per i formaggi è di 150 mg/kg. L’assunzione di nitrati con il cibo è associata ad alcuni rischi per la salute. Quando questi composti vengono consumati, circa il 60-70% viene facilmente assorbito ed escreto rapidamente nelle urine. L’industria della carne utilizza nitrati/nitriti come additivi nel processo di stagionatura della carne durante il quale la formazione di ossido nitrico dai nitriti è un prerequisito per le reazioni. 

Gli effetti dei nitriti/nitrati nei salumi sono legati all’effetto positivo di esaltazione del colore, allo sviluppo del sapore tipico dei salumi, al ruolo antimicrobico e all’effetto antiossidante. L’effetto antimicrobico del nitrito è correlato all’inibizione degli enzimi metabolici dei batteri, alla limitazione dell’assorbimento di ossigeno e alla rottura del gradiente protonico.

Il nitrito è anche noto per sopprimere la crescita delle spore di Clostridium botulinum. La riduzione degli additivi alimentari, in particolare dei nitrati, come previsto dai consumatori è una delle difficoltà più importanti che l’industria della carne deve affrontare. Per l’aumento della consapevolezza in campo alimentare, i consumatori preferiscono gli additivi naturali invece dei prodotti sintetici a causa dei rischi per la salute correlati ai nitrosocomposti. Pertanto, negli ultimi anni sono aumentati gli studi sulla riduzione o eliminazione di nitriti o nitrati e l’uso di composti naturali come alternative. Pertanto, i produttori di alcune carni lavorate hanno iniziato a utilizzare fonti “naturali” di nitrati, come il succo di sedano o l’estratto di barbabietola o spinaci.

a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica; e del Dr. Danilo Ciciulla, Tecnologo alimentare e Auditor.

Pubblicazioni scientifiche

Huang L, Zeng X et al. Meat Science 2019; 162:108027.

Ma L, Hu L, Feng X et al. Aging Disease 2018; 9:938.

Bianchin M et al. Adv J Food Sci Technol. 2017; 13:210.

Alahakoon A et al. Trends Food Sci Technol. 2015; 45:37.

Weitzberg E, Lundberg JO. Ann Rev Nutr. 2013; 33:129.

Hord NG, Tang Y et al. Am J Clin Nutr. 2009; 90:1–10.

Ward MH et al.  Int J Occup Environ Health 2008; 14:193.

Lunn JC, Kuhnle G et al. Carcinogenesis 2007; 28:685.

Newsletter

Archivio:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound
mycofood
Cart Overview