0
myCoFood

Dopo mesi di attesa e dopo che alcune bozze erano già circolate, sono state pubblicate lo scorso 31 gennaio le linee guida della Commissione UE sull’applicazione del regolamento di esecuzione UE n. 2018/775 che impone l’indicazione dell’origine dell’ingrediente primario di un alimento nel caso in cui essa sia diversa dall’origine dell’alimento stesso, se dichiarata su base volontaria.

Come noto, gli obblighi stabiliti dal regolamento saranno applicabili (e sanzionabili) a partire dal 1° aprile 2020.

Le linee guida erano molto attese da imprese e addetti del settore a causa della sterminata varietà di casi che si presentano quotidianamente agli occhi di operatori, consulenti e controllori e giungono in un periodo particolarmente caldo, quantomeno in Italia, a causa della confusione ingenerata nel settore dal sovrapporsi di regole (e annunci di regole) europee e italiane e dalla recente e clamorosa attività dell’AGCM, i cui recenti provvedimenti (casi Lidl Italia, De Cecco, Divella e altri) lasciano più di un dubbio sulla compatibilità tra l’orientamento dell’Autorità e le regole in procinto di divenire obbligatorie per tutto il mercato europeo.

La lettura delle linee guida, in realtà, pare essere destinata a confortare ben poco gli addetti ai lavori, in quanto in pressoché tutti i casi esaminati, la Commissione si preoccupa sempre di precisare (e non potrebbe essere altrimenti) che ai fini di un giudizio definitivo sulla corretta applicazione degli obblighi discendenti dal regolamento 2018/775 occorre una valutazione “caso per caso”, che consideri il contenuto complessivo dell’etichetta e che viene comunque rimessa all’apprezzamento delle autorità competenti degli stati membri.

In altre parole, le linee guida non sono altro per gli operatori del settore che un generico e alquanto timido parere professionale di una sorta di “super-consulente che ben poco tranquillizza e molti dubbi ulteriori fa sorgere.

Ben poca chiarezza giunge dalla Commissione quanto alla corretta identificazione dell’ingrediente primario. Anzi, in certi casi, come il quesito riguardante l’ingrediente primario che sia anche ingrediente composto, il documento rischia di ingenerare ancor più dubbi in chi vi cerchi una “guida”.

Ben più utili e chiarificatori risultano invece i punti conclusivi in merito alle modalità di presentazione dell’indicazione dell’origine/provenienza dell’ingrediente primario, con riferimento, in particolare, al divieto di combinazione di diversi livelli geografici, alla possibilità di aggiungere volontariamente ulteriori informazioni oltre a quelle stabilite espressamente dal regolamento e all’obbligo di ripetere l’indicazione quante volte sia ripetuta quella sull’origine del prodotto. I prossimi mesi si confermano, pertanto, per tutti gli operatori coinvolti densi di aspettative e dubbi, rammentando, tra le poche certezze, che i prodotti già etichettati potranno essere commercializzati fino ad esaurimento scorte e che dal 1° aprile 2020 decadranno in Italia gli obblighi derivanti dai cc.dd. “decreti origine” grano, riso, latte e pomodoro.

Approfondimento

Newsletter

Archivio:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound
mycofood
Cart Overview