myCoFood
Articles Tagged with

etichettatura

Home / etichettatura
CoFood LexNews, Etichettatura alimenti

Integratori con curcuma: nuovi obblighi in etichetta

A partire dal 13 maggio 2019 si sono susseguite molte segnalazioni da parte dell’Istituto Superiore della Sanità di casi di epatite colestatica acuta associata all’assunzione di integratori a base di curcuma.

Il Ministero della Salute, per oltre un mese dai primi ricoveri, si è limitato a disporre il richiamo o il ritiro di questi prodotti e, in via precauzionale, ha raccomandato di sospendere il consumo degli integratori oggetto di segnalazione. Non è stato quindi chiaro se i ricoveri fossero dovuti alla formulazione dei prodotti, a contaminazioni o alla suscettibilità delle persone colpite agli effetti collaterali della curcuma.

Soltanto il 26 luglio, dopo 21 casi di epatite, 19 prodotti segnalati dal Ministero, e 14 richiami di integratori a scopo precauzionale da parte delle aziende, sono state pubblicate la Nota Ministeriale 26 luglio 2019, n. 50147 ed il Decreto Ministeriale 26 luglio 2019.

Nella Nota si indica come, in seguito alle valutazioni di un gruppo di esperti appositamente istituito e della Sezione dietetica e nutrizione del Comitato tecnico per la nutrizione e sanità animale, i casi di epatite siano “da ricondurre a particolari condizioni di suscettibilità individuale, di alterazioni preesistenti, anche latenti, della funzione epato-biliare, di calcolosi delle vie biliari o anche alla concomitante assunzione di farmaci”. Sulla base di queste valutazioni si è deciso di sconsigliare l’uso di integratori contenenti estratti e preparati di curcuma a consumatori con problemi epatobiliari, e comunque, di invitare i consumatori a sentire il parere del medico per evitare pericolose interazioni con farmaci.

In seguito a queste analisi, essendo stata accertata l’assenza di contaminazioni, molti richiami sono stati revocati.

Il DM 26 luglio 2019, poi, interviene a modificare l’allegato 1 del Dm 10 agosto 2018 (sull’impiego di sostanze e preparati vegetali negli integratori alimentari), stabilendo l’obbligo di introdurre nell’etichetta dei prodotti derivati da piante del genere Curcuma la seguente avvertenza supplementare: “in caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci, è opportuno sentire il parere del medico”.

Il Decreto, infine, invita le imprese interessate a conformare le etichette nei termini previsti dallo stesso, cioè non oltre il 31 dicembre 2019.

Testo del decreto, parte 1Testo del decreto, parte 2

CoFood LexNews, Etichettatura alimenti

Origine del latte in etichetta: respinto il ricorso per annullamento

Respinto il ricorso presentato da varie associazioni per annullare l’obbligo di indicazione dell’origine del latte.

Il T.A.R. Lazio ha respinto il ricorso amministrativo proposto da varie associazioni di categoria, le quali chiedevano l’annullamento della disciplina nazionale che impone l’indicazione in etichetta dell’origine del latte e dei prodotti lattiero caseari, costituita dal decreto interministeriale 9 dicembre 2016, dal d.m. del MIPAAF n. 990, come modificato dal d.m. n. 1076 del MIPAAF, e dalle successive Linee guida del 13 aprile 2017 e del 26 maggio 2017.

Secondo le ricorrenti, dette norme avrebbero provocato una situazione di incertezza normativa e di grave pregiudizio economico per gli operatori del settore, in quanto contrastanti con gli imballaggi che erano già stati predisposti ed ordinati dalle aziende sulla base delle disposizioni dettate dal decreto del 9 dicembre 2017 e dalla circolare interministeriale del febbraio 2017. La sentenza ha integralmente rigettato il ricorso e ha, pertanto, confermato la legittimità e la vigenza della attuale normativa nazionale sull’origine del latte e dei prodotti lattiero caseari.

Durante gli ultimi anni è stato molto acceso il dibattito sull’applicabilità dei cc.dd. “decreti origine” (latte, pasta, riso, pomodoro), tutti nati dalla discussa volontà di fornire tutela ai prodotti tipicamente made in Italy. Al di là del dibattito, la sentenza, per ora, conferma l’applicabilità quantomeno del decreto su latte e prodotti caseari fino al 1° aprile 2020, data in cui entrerà in vigore il reg. (UE) n. 775/2018, recante norme sull’indicazione del paese di origine o del luogo di provenienza dell’ingrediente primario di un alimento.

Testo della sentenza

Andrea Iurato

Andrea Iurato | Cofood

Andrea Iurato

Avvocato – Partner LS LexJus Sinacta

Avvocato e Ph.D. in diritto pubblico. Esperto in materia di diritto penale, civile, sicurezza e qualità di alimenti, integratori alimentari e cosmetici.

Partner e responsabile area diritto agroalimentare di LS LexJus Sinacta

Contatta Andrea!

Fatti aiutare dai membri del nostro network nella ricerca della migliore soluzione ai tuoi problemi!


Food trade

Vendita online di alimenti: opportunità, limiti e aspetti legali

Il fenomeno dell’e-commerce sta assumendo proporzioni non residuali rispetto alle vendite mediante canali tradizionali. Cosa è obbligatorio indicare per la vendita di un alimento? Come applicare la normativa sull’etichettatura e sulla rintracciabilità?

Sarà forse per la comodità di ricevere la merce direttamente a casa, per la fiducia nei pagamenti elettronici, per i prezzi spesso più bassi che nei negozi, per la rapidità con cui viene eseguita la consegna, sta di fatto che il commercio elettronico registra una fase di grande sviluppo. Così diverse aziende produttrici e di distribuzione alimentare si stanno affacciando su internet proponendo siti di e-commerce, con l’obiettivo di porsi come metodo di acquisto alternativo, più comodo e più sicuro, raggiungendo consumatori altrimenti impossibili da intercettare.

Ma come può un’azienda del settore agroalimentare affacciarsi al sistema di vendite on line per implementare il proprio business?

Prima ancora di definire una strategia operativa, di stabilire quali prodotti vendere e sulla base di quali target, nonché di realizzare modelli di marketing e di comunicazione, è necessario conoscere l’ambito normativo di riferimento per partire con il piede giusto.

Brevi cenni normativi: la vendita on-line di alimenti

La vendita di alimenti on-line è disciplinata dal Regolamento UE n. 1169/2011 recante norme in materia di informazioni sugli alimenti ai consumatori. Questo definisce la vendita a distanza (p.e. on-line) come “tecnica di comunicazione a distanza”, ossia “qualunque mezzo che, senza la presenza fisica e simultanea del fornitore e del consumatore, possa impiegarsi per la conclusione del contratto tra dette parti”. Gli alimenti forniti tramite negozio on-line devono essere soggetti agli stessi requisiti di informazione degli alimenti venduti nei negozi tradizionali e le informazioni obbligatorie sugli alimenti devono essere disponibili prima che sia effettuato l’acquisto.

Nel caso di vendita di prodotti preimballati (confezionati), tutte le indicazioni obbligatorie devono essere trasmesse al consumatore prima della conclusione dell’acquisto: occorre, quindi, che il consumatore prima di finalizzare la propria scelta di acquisto sia messo nella condizione di poter scegliere consapevolmente e quindi di ricevere tutte le informazioni a ciò necessarie.

La questione della lingua da usare

Nella vendita a distanza tramite e-commerce la questione linguistica diventa di particolare importanza se si considera che in tale ambito i confini sono inesistenti e l’informazione è divenuta a tal punto globale che spesso può accadere che l’acquisto può essere realizzato a distanza da soggetti con sede in Paesi in cui la lingua di riferimento non è quella del Paese in cui l’alimento è prodotto e/o confezionato.

Ogni informazione obbligatoria sugli alimenti deve apparire con la lingua di riferimento del Paese in cui i prodotti sono consegnati, utilizzando quindi la forma di espressione dei consumatori che vivono in tale territorio.

La responsabilità dell’operatore del settore alimentare nel caso di vendita on-line

Le responsabilità degli operatori del settore alimentare sono definite nel Regolamento CE n. 178/2002. La normativa europea sull’etichettatura chiarisce che il soggetto responsabile delle informazioni al consumatore è colui il quale immette in commercio il prodotto. Nel caso di vendita on-line, la responsabilità di fornire le informazioni obbligatorie su questi alimenti prima della conclusione dell’acquisto incombe al proprietario del sito web. Il proprietario del sito web, che in questo ambito risulta il distributore dell’alimento, ha, quindi, un compito primario e di diretta responsabilità verso i consumatori cui si rivolge. Egli, infatti, deve assicurarsi di dare visibilità alle informazioni obbligatorie relativamente ai prodotti alimentari che verranno venduti sul proprio sito. Ovviamente, nel rispetto del concetto di responsabilità di tutti gli operatori del settore alimentare, egli potrà rivalersi o chiamare in causa il diretto produttore dell’alimento in questione.

I requisiti per vendere prodotti alimentari on line

Innanzitutto, la normativa di riferimento nulla esplicita circa una forma giuridica da preferirsi rispetto ad un’altra per l’apertura di un’attività avente per oggetto il commercio di prodotti alimentari online. In linea generale, qualunque attività commerciale alimentare deve essere avviata e svolta nel rispetto dei requisiti previsti dalla legge sul commercio vigente in Italia. Ne consegue che per la vendita di prodotti alimentari via internet l’iter burocratico da seguire è il medesimo previsto per l’apertura di normali esercizi al dettaglio. Dunque, l’azienda alimentare che intende aprire un negozio on-line, deve presentare al Comune in cui l’attività avrà la sede una Segnalazione Certificata di Avvio nuova Attività (SCIA) di vendita al dettaglio.

In secondo luogo, per la gestione di un’attività di commercio di prodotti alimentari, anche on line, è richiesto il possesso di specifici requisiti morali e professionali.

I requisiti morali sono, a titolo esemplificativo e non esaustivo:

  • non essere stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione;
  • non aver riportato una condanna, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo, per il quale è prevista una pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni, sempre che sia stata applicata, in concreto, una pena superiore al minimo edittale.

I requisiti professionali, ai sensi dell’art. 71 D. Lgs. n. 59/2010, sono riconducibili ad almeno uno dei seguenti:

  • “avere frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto dalle Regioni o dalle province autonome di Trento e di Bolzano;
  • avere, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, esercitato in proprio attività d’impresa nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande o avere prestato la propria opera, presso tali imprese, in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all’amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o in altre posizioni equivalenti o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell’imprenditore, in qualità di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all’Istituto nazionale per la previdenza sociale;
  • essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purché nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti”.

Le garanzie del distributore alimentare on line: la rintracciabilità

Nel rispetto dei principi generali di cui al Regolamento CE n. 178/2002, ogni operatore alimentare, e dunque anche il distributore on line, deve garantire anzitutto la rintracciabilità del prodotto, così da poter individuare chi ha fornito e a chi è stato fornito l’alimento. In questo contesto per garantire e poter verificare che sul mercato venga immesso un alimento sicuro, occorre che ciascun operatore conosca il proprio fornitore e verifichi che si agisca nel rispetto delle disposizioni normative sulla legislazione alimentare. A tal fine il distributore deve garantire un sistema di rintracciabilità solido e funzionante, potrà chiedere al proprio fornitore, in riferimento ai prodotti che gli vengono forniti, informazioni sui controlli in azienda, la documentazione inerente le attività di autocontrollo, le schede tecniche dei prodotti, eventuali certificazioni e comunque ogni documentazione attestante la conformità dei prodotti alla normativa generale e a quella di settore.

 

 

Beatrice Terrenghi

bmd

Beatrice Terrenghi

Esperta in diritto alimentare e diritto commercio internazionale

Laureata in Giurisprudenza con una tesi sperimentale in materia di OGM, è esperta in diritto alimentare e in diritto del commercio internazionale, con particolare attenzione al mercato degli Emirati Arabi Uniti. Presta consulenza agli operatori del settore alimentare, soprattutto sulla conformità dell’etichettatura dei prodotti rispetto alla normativa nazionale, europea ed internazionale, sulle modalità di import/export dei prodotti alimentari e sulle procedure di ritiro e richiamo degli stessi. Organizza, anche presso le sedi delle aziende interessate, corsi di formazione ed eventi didattici in materia di diritto alimentare. Socia O.N.A.F. (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi).

[googlemaps https://www.google.com/maps/d/u/1/embed?mid=1sjsdpKQFTyryTyBRaKh4uGnQxmY&w=100%&h=480]

Contatta Beatrice!

Fatti aiutare dai membri del nostro network nella ricerca della migliore soluzione ai tuoi problemi!


Etichettatura alimenti, Piatti Chiari - LaLeggePerTutti.it

Dichiarazione nutrizionale: si può omettere in alcuni cibi artigianali

La dichiarazione nutrizionale di regola è obbligatoria nelle etichette di ogni alimento, ma è prevista un’eccezione per i prodotti artigianali commercializzati localmente direttamente dal produttore.

L’inserimento della dichiarazione nutrizionale in etichetta è uno degli obblighi più onerosi per le piccole imprese e per i produttori artigianali di alimenti: proprio per questi ultimi la legge…leggi l’articolo su Piatti Chiari – laleggepertutti.it

Danilo Ciciulla

Danilo Ciciulla | CoFood

Danilo Ciciulla

Tecnologo alimentare

Tecnologo Alimentare dal 2009, iscritto all’albo dei tecnologi alimentari di Sicilia e Sardegna (OTASS n.279).

Master in Qualità e sicurezza delle filiere agroalimentari dal 2013

Auditor ISO 9001/2008 certificato CEPAS n.13

Auditor ISO 22000/2005

Specializzato nella progettazione e nell’implementazione di processo e formulazione di prodotto

Specializzato nella filiera delle carni e nei prodotti da forno 

Specializzato nella filiera del senza glutine

Proprietario di brevetti per la produzione di prodotti da forno senza glutine a partire da regolari farine di grano (link al brevetto).

Contatta Danilo!

Fatti aiutare dai membri del nostro network nella ricerca della migliore soluzione ai tuoi problemi!


Etichettatura alimenti, Piatti Chiari - LaLeggePerTutti.it

Latte: pubblicato il decreto che obbliga ad indicare l’origine

Dal prossimo 20 aprile il latte e molti latticini prodotti in Italia dovranno indicare nell’etichetta il paese di origine del latte. L’obbligo però non riguarderà i prodotti provenienti dall’estero. 

 

È stato appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto che ha reso obbligatorio per i produttori di latte e di molti latticini prodotti e venduti in Italia indicare nell’etichetta il paese di origine del latte, così da permettere ai consumatori di sapere con certezza se si tratta o meno di latte italiano

leggi l’intero articolo su Piatti Chiari – laleggepertutti.it

Servizi

AREA LEGALE

Consulenza in materia di alimenti, integratori alimentari, mangimi

  • sicurezza e igiene;
  • regimi di qualità e certificazioni;
  • etichettatura;
  • adempimenti amministrativi;
  • adempimenti e procedure in materia di integratori alimentari e novel foods;
  • mercati europei ed extra-europei;
  • registrazione e tutela di marchi e brevetti;
  • rapporti con le autorità di controllo ufficiale e altre pubbliche amministrazioni competenti;
  • sanzioni amministrative;
  • diritto penale alimentare.

Attività stragiudiziale e giudiziale

  • Ai clienti CoFood è offerta l’opportunità di stipulare, a condizioni vantaggiose e riservate, convenzioni con lo studio legale Schininà&Partners (Ragusa – Bologna)
AREA TECNICA

Processo, impianti e macchinari

  • consulenza, progettazione, collaborazione e affiancamento con aziende e tecnici progettisti;

Prodotto

  • formulazione;
  • novel foods;
  • particolari fini nutrizionali e alimenti per fini medici speciali;
  • sicurezza, standard qualitativi e nutrizionali del prodotto;
  • consulenza su materie prime e additivi.

Etichettatura

  • etichette in ambito nazionale, europeo ed estero
  • realizzazione e consulenza
  • dichiarazioni nutrizionali
  • claims nutrizionali
  • fini medici speciali (settore alimentare)
  • plus, claims e particolari fini nutrizionali (settore mangimistico)
  • etichettatura pulita, etica, animal care certified

Confezionamento

  • consulenza, progettazione, collaborazione e affiancamento con aziende e tecnici progettisti;
  • consulenza su impianti e materiali per il packaging;
  • consulenza e ottimizzazione cliché di stampa;

Tutela dell’ambiente

  • Recupero e valorizzazione degli scarti per produzione fertilizzanti o materie prime zootecniche in conformità a reg. CE n. 1069/2009;
  • Calcolo e valutazione LCA (Life Cycle Assessment)

Sicurezza alimentare e certificazioni

  • Manuali HACCP;
  • implementazione e consulenza per sistemi singoli o integrati:
    • ISO 9001
    • ISO 22000
    • ISO 22002
    • ISO 22005
    • UNI 10854
    • BRC
    • BRC-IOP (GSPP)
    • BRC Storage and Distribution
    • BRC Agents and Brokers
    • IFS Food
    • IFS Logistic
    • Prodotto Biologico
    • Prodotto Vegan
    • AIC
    • Certificazioni di origine (DOP, IGP, DOC, IGT)
  • pre-audits;
  • audit interno e presso clienti, fornitori, outsorcing.

Infestanti

  • ispezione diretta dello stato di infestazione;
  • collaborazione, realizzazione e/o supervisione sul piano di disinfestazione.
AREA AMMINISTRATIVA
  • Analisi e gestione dei flussi finanziari (valutazione capacità reddituale di aziende);
  • adempimenti fiscali (versamenti, comunicazioni, pratiche, modulistica…);
  • assistenza per contabilità ordinaria e semplificata;
  • business plan: bilanci previsionali e piani economici di avvio impresa
  • analisi dei rischi (di produzione, sicurezza, finanziari);
  • redazione atti societari e scritture private
  • adempimenti normativa antiriciclaggio;
  • sicurezza e formazione d.lgs 81/08.
AREA COMMERCIALE
  • Ricerche di mercato e analisi di mercato potenziale;
  • piani di marketing e posizionamento;
  • ricerca e sviluppo di contatti commerciali per vendita nel territorio nazionale e/o esportazione prodotti agroalimentari.
FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO
  • Newsletter di aggiornamento tecnico e legale personalizzata;
  • progetti e piani di formazione specifici su tematiche tecniche e normative del settore alimentare
    • HACCP, sistemi di gestione della qualità, sistemi integrati, gestione delle certificazioni, sicurezza alimentare, prevenzione e gestione dei rischi per la sicurezza alimentare
    • formazione specifica su richiesta dell’azienda
  • attività di docenza in situ o presso strutture convenzionate.
RICERCA E SVILUPPO
  • Studio di soluzioni innovative;
  • formulazioni e assistenza per brevetti;
  • novel foods;
  • ricerca di soluzioni per alimenti ipoallergenici, per fini medici speciali (settore alimentare) e per particolari fini nutrizionali (settore mangimi);
  • innovazione di processo
  • innovazione di prodotto
  • collaborazione e rete con enti di ricerca pubblici e privati

CoFood non è un mero elenco di servizi

…ma un mondo di opportunità per la vostra Azienda

Consulenza in materia di alimenti, integratori alimentari, mangimi

  • sicurezza e igiene;
  • regimi di qualità e certificazioni;
  • etichettatura;
  • adempimenti amministrativi;
  • adempimenti e procedure in materia di integratori alimentari e novel foods;
  • mercati europei ed extra-europei;
  • registrazione e tutela di marchi e brevetti;
  • rapporti con le autorità di controllo ufficiale e altre pubbliche amministrazioni competenti;
  • sanzioni amministrative;
  • diritto penale alimentare.

Attività stragiudiziale e giudiziale

  • Ai clienti CoFood è offerta l’opportunità di stipulare, a condizioni vantaggiose e riservate, convenzioni con lo studio legale Schininà&Partners (Ragusa – Bologna)

Tecnologie agro-alimentari

  • consulenza e sviluppo sulle tecnologie di trasformazione e confezionamento di alimenti e mangimi
  • consulenza e sviluppo sulla formulazione di alimenti e mangimi
  • progettazione layout di impianti di produzione, consulenza e assistenza nella scelta di macchinari e impianti
  • ottimizzazione formule e processo per produzione di mangime con particolari fini nutrizionali
  • ottimizzazione formule e processo per produzione di alimenti per fini medici speciali
  • ottimizzazione formule e processo per produzione di alimenti con claims nutrizionali e salutistici
  • sicurezza, standard qualitativi e nutrizionali del prodotto
  • consulenza su materie prime e additivi
  • progettazione agricola
  • consulenza su impianti e materiali per il packaging
  • consulenza e ottimizzazione cliché di stampa

Etichettatura alimenti e mangimi

Il servizio di consulenza ed elaborazione etichettatura, nazionale ed internazionale, di CoFood è svolto dalla cooperazione di tecnologi alimentari ed avvocati esperti in etichettatura e diritto alimentare.

  • elaborazione ex-novo di etichetta per alimento e mangime a partire dai dati di produzione e considerato il mercato di destino
  • verifica e validazione legale di etichetta di prodotto (analisi conformità contenuti alle normative del mercato di destino)
  • verifica e validazione tecnico-legale di etichetta di prodotto (verifica e validazione legale, più analisi singoli ingredienti, allergeni e calcoli/analisi nutrizionali)
  • calcolo tabelle nutrizionali da database ufficiali (UE, USA, Canada) o con analisi di laboratori convenzionati e accreditati
  • verifica e studio claims nutrizionali e salutistici
  • verifica e studio fini medici speciali (settore alimentare)
  • verifica e studio plus, claims e particolari fini nutrizionali (settore mangimistico)
  • etichettatura pulita, etica, animal care certified

Servizi di etichettatura disponibili anche nel negozio online

Shelf-life e data di scadenza

Il termine shelf-life indica il periodo di tempo entro il quale può ritenersi garantito un livello accettabile di appetibilità, di rispetto degli standard analitici e di sicurezza di un alimento.

La sua valutazione prende in considerazione le tecnologie produttive, la formulazione, il confezionamento e le caratteristiche chimiche, fisiche e microbiologiche dell’alimento confezionato.

L’importanza della sua valutazione è in primo luogo di sicurezza alimentare, è obbligo dell’operatore immettere in commercio prodotti sani e che tali si mantengano per tutta la loro vita commerciale, appunto shelf-life.

Accertato il limite di sicurezza alimentare, lo studio della shelf-life è fondamentale per valutare la stabilità del prodotto dal punto di vista sensoriale (gusto, aroma, colore, croccantezza, friabilità, etc) e chimico-fisico (ad esempio stabilità di una emulsione).

Lo studio della shelf-life è utile anche in caso di sequestri/contensiosi con le pubbliche autorità.

Quali servizi si offrono?

  • Shelf life analitica: analisi di parametri chimici e microbiologici con determinazione del termine minimo di conservazione (data di scadenza, da consumarsi preferibilmente)
  • Microbiologia predittiva: elaborazione di modelli matematici per la previsione di crescita, sopravvivenza e inattivazione dei microrganismi patogeni nella matrice alimento alle condizioni di conservazione
  • Challenge test: inoculo del mitrorganismo test e studio del comportamento alle condizioni di conservazione

Progettazione, sviluppo e start-up

  • Coaching start-up ideas;
  • Studio di soluzioni innovative;
  • formulazioni e assistenza per brevetti;
  • novel foods;
  • ricerca di soluzioni per alimenti ipoallergenici, per fini medici speciali (settore alimentare) e per particolari fini nutrizionali (settore mangimi);
  • innovazione di processo
  • innovazione di prodotto
  • collaborazione e rete con enti di ricerca pubblici e privati

In collaborazione con Rural Choice

  • progettazione agricola
  • PSR e sviluppo rurale
  • chiusura della filiera agroalimentare
  • food scouting
  • rete di impresa agricola

Implementazione di sistemi di certificazione e sicurezza alimentare

  • HACCP
  • implementazione e consulenza per sistemi singoli o integrati:
    • ISO 9001
    • ISO 22000 – ISO 22002 –  ISO 22005
    • BRC – BRC-IOP (GSPP) – BRC Storage and Distribution –  BRC Agents and Brokers
    • IFS Food – IFS Logistic
    • GMP+
    • Prodotto Biologico
    • Prodotto Vegan
    • AIC
    • Certificazioni di origine (DOP, IGP, DOC, IGT)
  • pre-audits
  • audit interno e presso clienti, fornitori, outsorcing

Servizi tecnici per export negli USA

  • Food Safety Plan (FSP secondo i principi HARCP)
  • registrazioni FDA e FDA Agent (scopri il servizio nel nostro negozio online)
  • pratiche Food Canned Establishment (acid and low-acid canned food, LACF)
  • numeri SID
  • qualified facility
  • servizio di PCQI

CoFood è consulente ufficiale (Registered Consultant) per l’Italia della GMP+ International.

I consulenti ufficiali rappresentano un peculiare servizio della GMP+ International rivolto a tutte le aziende certificate o che intendono certificarsi e che hanno bisogno di informazioni chiare da parte di personale competente. I consulenti ufficiali, infatti, conoscono tutti gli aspetti e le applicazioni degli schemi di sicurezza (FSA – Feed Safety Assurance) e responsabilità di filiera (FRA – Feed Responsibility Assurance) della GMP+.

GMP+ International considera i consulenti ufficiali come importanti rappresentanti del proprio sistema certificativo perché l’applicazione di questo comporta altissimi livelli qualitativi e di approfondimento delle tematiche procedurali.

I consulenti ufficiali, pur mantenendo un profilo di formazione alto ed in stretto contatto con la GMP+ International, sono comunque delle figure autonome e indipendenti.

Scopri di più sugli schemi di sicurezza della filiera mangimi GMP+, visita il sito o contattaci.

  • Analisi e gestione dei flussi finanziari (valutazione capacità reddituale di aziende);
  • adempimenti fiscali (versamenti, comunicazioni, pratiche, modulistica…);
  • assistenza per contabilità ordinaria e semplificata;
  • business plan: bilanci previsionali e piani economici di avvio impresa
  • analisi dei rischi (di produzione, sicurezza, finanziari);
  • redazione atti societari e scritture private
  • adempimenti normativa antiriciclaggio;
  • sicurezza e formazione d.lgs 81/08.

VIDA Soluzioni software – VIDA Point CoFood

Cosa è un VIDA Point?

VIDA nell’ottica di supportare sempre più i propri clienti del settore alimentare avvia il progetto VIDA ZeroPensieri. I VIDA Point sono centri specializzati di consulenti e tecnologi alimentari selezionati da VIDA e sono a vostra disposizione per supportarvi in tutto il processo di etichettatura a costi agevolati.

A chi si rivolgono?
– Clienti VIDA: per avere supporto consulenziale
– Aziende che vogliono esternalizzare il processo di etichettatura, affidandosi completamente ad un professionista
– Azienda operanti nel settore Food&Beverage che desiderano avere consulenza sotto diversi profili

Scopri di più o clicca qui per aderire ai vantaggi del programma VIDA.ZeroPensieri

Consulenze telefoniche su tematiche di etichettatura e sicurezza alimentare, eseguito da avvocati e tecnologi alimentari di CoFood.

Cosa è la consulenza telefonica?

La consulenza telefonica è un servizio in cui il professionista può soddisfare la univoca richiesta del cliente attraverso una breve conversazione telefonica.

Scopri il servizio sul nostro negozio online

CoFood propone per i propri clienti un pacchetto di analisi a prezzi vantaggiosi ed eseguite presso laboratori accreditati Accredia e a noi convenzionati. CoFood non è un laboratorio di analisi.

Elenco delle analisi convezionate. Il seguente elenco è in continuo aggiornamento, se non trovate l’analisi che vi interessa, scriveteci

ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO

  • Idrocarburi policiclici aromatici (IPA)
  • Metalli pesanti
  • Cationi e anioni
  • pH
  • COD
  • Solidi sospesi totali
  • Temperatura
  • Durezza totale e da calcolo
  • Clostridium perfrigens
  • Lieviti e muffe
  • Legionella
  • Enterococchi intestinali
  • Escherichia coli
  • Coliformi
  • Pseudomonas aeruginosa
  • Colonie a 22°C e 36°C
  • Potabilità ai sensi d.lgs 31/2001

ALIMENTI: ALLERGENI

  • Solfiti
  • Glutine
  • beta-lattoglobulina
  • Lattosio
  • Caseina
  • Ovoalbumina
  • Allergene noci
  • Allergene crostacei
  • Allergene arachidi
  • Allergene soia
  • Allergene sedano
  • Allergene senape
  • Allergene sesamo
  • Allergene lupino
  • Allergene nocciola

ALIMENTI: PARAMETRI QUALITATIVI/SICUREZZA ALIMENTARE

  • Bacillus cereus presunto
  • Clostridium perfringens
  • Coliformi
  • Colonie a 30°C
  • Enterobatteriacee
  • Escherichia coli
  • Stafilococchi
  • Listeria Monocytogenes
  • Salmonella
  • Residuo secco/umidità
  • Attività dell’acqua
  • Aflatossine (B1, B2, G1, G2)
  • Ocratossina A
  • Zearalenone
  • Deossinivalenolo (DON)
  • Ditiocarbammati
  • Multiresiduale
  • Numero di perossidi
  • Acrilammide
  • Acidità titolabile
  • Solidi solubili (gradi BRIX)
  • Nitrati
  • Istamina
  • Enterotossine Stafilococciche
  • Saggio di Kreiss
  • VINO
    • Acidità totale
  • LATTE
    • Aflatossina M1
  • OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA
    • Delta k
    • Esteri metilici acidi grassi saturi
    • Esteri metilici acidi grassi insaturi
    • Numero di perossidi
    • Polifenoli totali
    • Acidità (come acido oleico)

ALIMENTI: PARAMETRI NUTRIZIONALI

Macro-nutrienti

  • Valore energetico
  • Sostanze grasse totali (Soxhlet)
  • Sostanze grasse totali (idrolisi acida)
  • Carboidrati
  • Fibra grezza
  • Proteine
  • Sale
  • Ceneri
  • Grassi insaturi
  • Grassi monoinsaturi
  • Grassi polinsaturi
  • Grassi trans
  • Omega 3 ( acido alfa-linoleico)
  • EPA
  • DHA
  • Colesterolo

Vitamine, minerali e oligoelementi

  • Calcio
  • Rame
  • Ferro
  • Magnesio
  • Manganese
  • Potassio
  • Sodio
  • Zinco
  • Selenio
  • Cromo
  • Iodio
  • Fosforo
  • Vitamina A (trans-retinolo totale, 13-cis-retinolo)
  • Vitamina E (somma di α-β-γ-δ-tocoferolo)
  • Vitamina D (D2+D3)
  • Vitamina K
  • Vitamina C
  • Vitamina B1
  • Vitamina B2
  • Vitamina B6
  • Niacina
  • Acido folico
  • β-carotene
  • Biotina
  • Acido pantotenico
  • Vitamina B12

Tabelle nutrizionali

  • Nutrizionale UE
  • Nutrizionale USA
  • Nutrizionale Canada
  • Ricerche di mercato e analisi di mercato potenziale;
  • piani di marketing e posizionamento;
  • ricerca e sviluppo di contatti commerciali per vendita nel territorio nazionale e/o esportazione prodotti agroalimentari;
  • Food scouting.

AREA LEGALE

Consulenza in materia di alimenti, integratori alimentari, mangimi

  • sicurezza e igiene;
  • regimi di qualità e certificazioni;
  • etichettatura;
  • adempimenti amministrativi;
  • adempimenti e procedure in materia di integratori alimentari e novel foods;
  • mercati europei ed extra-europei;
  • registrazione e tutela di marchi e brevetti;
  • rapporti con le autorità di controllo ufficiale e altre pubbliche amministrazioni competenti;
  • sanzioni amministrative;
  • diritto penale alimentare.

Attività stragiudiziale e giudiziale

  • Ai clienti CoFood è offerta l’opportunità di stipulare, a condizioni vantaggiose e riservate, convenzioni con lo studio legale Schininà&Partners (Ragusa – Bologna)

AREA TECNICA

Processo, impianti e macchinari

  • consulenza, progettazione, collaborazione e affiancamento con aziende e tecnici progettisti;

Prodotto

  • formulazione;
  • novel foods;
  • particolari fini nutrizionali e alimenti per fini medici speciali;
  • sicurezza, standard qualitativi e nutrizionali del prodotto;
  • consulenza su materie prime e additivi.

Etichettatura

  • etichette in ambito nazionale, europeo ed estero
  • realizzazione e consulenza
  • dichiarazioni nutrizionali
  • claims nutrizionali
  • fini medici speciali (settore alimentare)
  • plus, claims e particolari fini nutrizionali (settore mangimistico)
  • etichettatura pulita, etica, animal care certified

Confezionamento

  • consulenza, progettazione, collaborazione e affiancamento con aziende e tecnici progettisti;
  • consulenza su impianti e materiali per il packaging;
  • consulenza e ottimizzazione cliché di stampa;

Tutela dell’ambiente

  • Recupero e valorizzazione degli scarti per produzione fertilizzanti o materie prime zootecniche in conformità a reg. CE n. 1069/2009;
  • Calcolo e valutazione LCA (Life Cycle Assessment)
  • Etichettatura ambientale
  • Scopri i servizi ambientali offerti da Kepos Group cliccando qui

Sicurezza alimentare e certificazioni

  • Manuali HACCP;
  • implementazione e consulenza per sistemi singoli o integrati:
    • ISO 9001
    • ISO 22000
    • ISO 22002
    • ISO 22005
    • UNI 10854
    • BRC
    • BRC-IOP (GSPP)
    • BRC Storage and Distribution
    • BRC Agents and Brokers
    • IFS Food
    • IFS Logistic
    • Prodotto Biologico
    • Prodotto Vegan
    • AIC
    • Certificazioni di origine (DOP, IGP, DOC, IGT)
  • pre-audits;
  • audit interno e presso clienti, fornitori, outsorcing.

Infestanti

  • ispezione diretta dello stato di infestazione;
  • collaborazione, realizzazione e/o supervisione sul piano di disinfestazione.

AREA AMMINISTRATIVA

  • Analisi e gestione dei flussi finanziari (valutazione capacità reddituale di aziende);
  • adempimenti fiscali (versamenti, comunicazioni, pratiche, modulistica…);
  • assistenza per contabilità ordinaria e semplificata;
  • business plan: bilanci previsionali e piani economici di avvio impresa
  • analisi dei rischi (di produzione, sicurezza, finanziari);
  • redazione atti societari e scritture private
  • adempimenti normativa antiriciclaggio;
  • sicurezza e formazione d.lgs 81/08.

AREA COMMERCIALE

  • Ricerche di mercato e analisi di mercato potenziale;
  • piani di marketing e posizionamento;
  • ricerca e sviluppo di contatti commerciali per vendita nel territorio nazionale e/o esportazione prodotti agroalimentari.

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO

  • Newsletter di aggiornamento tecnico e legale personalizzata;
  • progetti e piani di formazione specifici su tematiche tecniche e normative del settore alimentare
    • HACCP, sistemi di gestione della qualità, sistemi integrati, gestione delle certificazioni, sicurezza alimentare, prevenzione e gestione dei rischi per la sicurezza alimentare
    • formazione specifica su richiesta dell’azienda
  • attività di docenza in situ o presso strutture convenzionate.

SVILUPPO E START-UP

  • Progettazione con finanziamenti pubblici
  • Coaching start-up ideas
  • Studio di soluzioni innovative;
  • formulazioni e assistenza per brevetti;
  • novel foods;
  • ricerca di soluzioni per alimenti ipoallergenici, per fini medici speciali (settore alimentare) e per particolari fini nutrizionali (settore mangimi);
  • innovazione di processo
  • innovazione di prodotto
  • collaborazione e rete con enti di ricerca pubblici e privati

Prezzi certi e trasparenza!

La garanzia del partner perfetto per la vostra Azienda

CoFood 360



Consulenza e assistenza specializzata di natura tecnica, legale, amministrativa e commerciale. Consulenza completa per tutte le tematiche aziendali.

CoFood TecLaw



Consulenza e assistenza specializzata di natura tecnica e legale rivolta agli aspetti produttivi e ad essi connessi.

CoFood Market



Realizzazione di piani di marketing e supporto commerciale.

CoFood Check



Servizio di screening per le aziende con cui si offre al cliente una fotografia sullo stato di funzionamento e benessere dell’azienda in termini di efficienza, qualità, prospettive di crescita e rischio legale.

RICHIEDI UN PREVENTIVO


1 2
Archivio:
Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from - Youtube
Vimeo
Consent to display content from - Vimeo
Google Maps
Consent to display content from - Google
Spotify
Consent to display content from - Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from - Sound
mycofood
Cart Overview